sfondo

CIC

CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA (C.I.C.) legge 162/1990
(Referente Prof.ssa Francesca Paluan)
 
Che cosa si intende per consulenza?
È una “(…) forma di rapporto interpersonale in cui un individuo che ha un problema, ma non possiede le conoscenze o le capacità per risolverlo, si rivolge ad un altro individuo, il consulente, che, grazie alla propria esperienza e preparazione, è in grado di aiutarlo a trovare una soluzione. Il rapporto di consulenza, che è limitato nel tempo e generalmente relativo ad uno specifico problema, fa parte dei vari modi di intervento della psicologia clinica, dove può assumere differenti forme, secondo l’utente cui si rivolge” (U. Galimberti).
 
Nel 2003 la Regione Toscana e la Direzione Scolastica Regionale hanno firmato un primo Protocollo D’Intesa per la  “Promozione e la realizzazione di attività integrate per il benessere e il successo formativo fra i giovani per lo sviluppo dell’educazione alla salute ed al benessere”,  in cui si afferma che “la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia ed infermità (OMS) che richiede molteplici azioni sul fronte sociale, ambientale, economico educativo  e  psicologico (...) a partire da una educazione alla responsabilità fin dall’età scolare, per rendere ciascuna persona in grado di affrontare le fasi, le scelte e le difficoltà della vita con la consapevolezza delle risorse personali e comunitarie a disposizione.”
 
Presso il nostro Liceo il servizio di Consulenza psicologica è stato istituito nel 2006 e da quest’anno viene svolto regolarmente dalla Dott.ssa Carolina Limberti, psicologa e psicoterapeuta.
La sua presenza è garantita per tutto l'anno scolastico.
 
 
Obiettivi del consulente psicologo del CIC:
1.     essere punto di riferimento per i ragazzi;
2.     mediare la relazione insegnante-alunno aiutando i docenti a fronteggiare le situazioni più complesse;
3.     favorire il rapporto tra genitori ed insegnanti;
4.     mediare la relazione genitori-figli;
5.     individuare eventuali indici di disagio e promuovere l'intervento precoce su di essi;
6.     essere un eventuale supporto agli interventi fatti dagli esperti delle strutture pubbliche nelle classi su argomenti di Educazione Sanitaria;
7.     essere intermediario tra scuola e le strutture pubbliche.
 
Le funzioni dello psicologo in ambito scolastico debbono essere sempre limitate nel tempo e negli obiettivi, la consulenza è sempre di breve durata, cioè limitata a pochi incontri, e volta a sviluppare le risorse individuali piuttosto che indicare percorsi terapeutici.
 
Risulta opportuno sottolineare alcuni articoli del Codice Deontologico degli Psicologi che risultano rilevanti per gli interventi di consulenza (Calvi e Gullotta, 1999):
“Durante l’esercizio delle sue funzioni lo psicologo è tenuto:
·         al rispetto della persona, attraverso un’informazione chiara, adeguata alle conoscenze presenti (art.  2);
·         alla riservatezza, all’autonomia e all’autodeterminazione di coloro che si avvalgono della prestazione (art 4);
·         a salvaguardare la propria autonomia e quella del cliente attraverso l’uso di tecniche e strumenti psicologici (art 6);
·         nelle proprie attività professionale, nelle attività di ricerca e nelle comunicazioni dei risultati delle stesse, nonché delle attività didattiche, lo psicologo valuta attentamente, anche in relazione al contesto, il grado di validità e di attendibilità di informazioni, dati e fonti su cui basa le conclusioni raggiunte;
·         lo psicologo su casi specifici, esprime valutazioni e giudizi professionali solo se fondati;
·         è tenuto al segreto professionale (art. 11 art 12);
·         dove ricorra, deve derogare totalmente o parzialmente alla propria doverosa riservatezza, qualora si prospettino gravi pericoli per la vita o per la salute psicofisica del soggetto e/o di terzi (art 13 );
·         deve fornire informazioni  al soggetto o al gruppo sulle regole dell’intervento (art 14).
 
 
E' possibile mettersi in contatto con la psicologa, dottoressa Carolina Limberti, utilizzando l'indirizzo e-mail cic.copernico@gmail.com . Al fine di garantire uno spazio dedicato, la consulenza viene fornita previo appuntamento che può essere preso tramite lo stesso indirizzo e-mail: cic.copernico@gmail.com

Per contattare la Prof.ssa Francesca Paluan si può utilizzare l’indirizzo e-mail: fra.paluan87@gmail.com
PRENOTAZIONE CIC

Link social

Iscriviti ai nostri canali social

Informazioni, aggiornamenti, foto, video e moltro altro.

Facebook Youtube RSS

Contatti

Scuola Secondaria II grado Statale Liceo Scientifico “Niccolò Copernico”

via Borgovalsugana, n° 63 - 59100 Prato (PO)
telefono 0574 596616 fax 0574 592888
Codice Ministeriale POPS02000G
E-mail: pops02000g@istruzione.it
PEC:POPS02000G@pec.istruzione.it

Codice fatt. elettronica: UFHVKQ
CC postale: 21715503
IBAN: IT09W0306921531100000046004